UN DEPUTATO GRECO DENUNCIA LA TROIKA

Rivolta contro la troika

Le denunce contro la troika e le marionette sadiche e arroganti imposte dall’Europa alla guida dei Paesi in difficoltà per affossare definitivamente le loro economie e sottoporre i loro cittadini a sofferenze intollerabili sono diventate una marea.
In questi giorni, infatti, esasperati oltre ogni limite, anche i greci hanno deciso di adire le vie legali ma, contrariamente agli altri Paesi europei, designati con sovrano disprezzo con il nome di PIIGS, una sigla che richiama alla mente i PIGS, vale a dire i maiali, l’idea è partita dalla classe politica.
Un rappresentante del partito dei Greci Indipendenti ha denunciato alla Corte Penale Internazionale le più alte autorità della troika per aver provocato suicidi, perdite di posti di lavoro, chiusure di esercizi commerciali, fallimenti di aziende e impoverimento delle famiglie in percentuali così elevate da far temere che l’esplosione di rabbia in corso possa accendere una rivolta le cui conseguenze sono facilmente immaginabili.
Il membro del parlamento che ha presentato la denuncia ha richiamato a sostegno della sua accusa gli articoli e le dichiarazioni emanate dai seguenti organismi.
– l’art. 2 dello statuto della CPI sulla protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.
– La dichiarazione contenuta nella Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea secondo la quale tutti hanno diritto alla vita.
–  La Costituzione greca.
– La Convenzione Europea sui Diritti Umani.
Da parte sua il presidente della Confederazione Generale del Lavoro ha annunciato che la sua organizzazione farà ricorso contro la Troika alla Corte Europea dei Diritti Umani.
Le associazioni dei medici portoghesi, greci, spagnoli e irlandesi hanno infine rincarato la dose, pubblicando una “Lettera aperta ai leader politici europei” con la quale hanno accusato la troika di non aver compiuto una corretta valutazione degli effetti dell’austerity sui sistemi sanitari nazionali e hanno chiesto un’inversione di rotta.

 

Advertisements

3 thoughts on “UN DEPUTATO GRECO DENUNCIA LA TROIKA

  1. Chissà perché i liberisti continuano a distruggere la nostra economia, ma non pagano mai per i loro errori.

  2. Il loro obiettivo è quello di portare le retribuzioni dei Paesi europei in difficoltà economiche allo stesso livello di quelli del terzo mondo, per avere una platea più vasta da cui scegliere i lavoratori da assumere e sfruttarli sempre di più.
    La loro ricetta, tuttavia, si è rivelata fallimentare, perché non ha previsto che i cittadini europei non avrebbero permesso loro di ridurli alla fame.
    Sarà la paura del collasso economico planetario che li farà recedere dai loro propositi.

  3. Se seguite i siti stranieri, capirete che la Grecia sarà il primo Paese della UE a esplodere e che sarà seguita a breve da molti altri.
    A Napoli in questi giorni è in corso uno sciopero dei trasporti e dei cittadini dovuto al fatto che il Comune non ha i soldi per acquistare il carburante.
    Vi lascio immaginare quello che succederà nelle prossime setimane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...