QUESTA VOLTA I GRECI NON CEDERANNO

i greci contro la troika

La recessione economica in corso coinvolge oramai quasi tutti i Paesi dell’Eurozona. La lista dei  fallimenti della troika è un pozzo senza fondo. Quelli più recenti riguardano la disoccupazione in Francia, che ha superato il 10%, il rovinoso calo degli ordini in Germania e la decisione dei rumeni  e dei bulgari di restare fuori dall’euro.
Ciononostante gli eurofanatici perseverano nella loro politica a favore delle banche, imponendo tasse e tagli inverosimili, la svendita dei patrimoni pubblici e lo smantellamento dello Stato Sociale in cambio di prestiti a interesse per rilanciare l’economia e risanare il debito pubblico!!!
Questa volta, tuttavia, gli sceneggiatori hanno superato se stessi, imponendo al governo greco la mobilità, vale a dire il licenziamento differito di 25.000 dipendenti statali entro il 2013, e una ponderosa riduzione dell’IVA e dello stipendio dei lavoratori privati.
Nessuno crede però che i greci accetteranno di subire l’ennesima minaccia. Il loro Paese è allo stremo a causa della recessione che va avanti da cinque anni, della disoccupazione giovanile che ha superato il 62%, delle scuole, degli ospedali, uffici pubblici e servizi di trasporto chiusi, del PIL che va sempre più a fondo, di un enorme numero di derelitti che dormono sui marciapiedi, dell’aumento delle violenze, delle rapine, dei furti, dei crimini aumentati di trenta volte negli ultimi due anni e del 37% delle famiglie che vivono sotto la soglia della povertà.
Se anche questa volta Samaras si piegherà ai voleri della troika, i tumulti si trasformeranno in sollevazioni e alle prossime elezioni, che dovrebbero tenersi in luglio, Syryza, che nei sondaggi ha già superato Nuova Democrazia, prenderà la maggioranza assoluta.

Annunci

2 thoughts on “QUESTA VOLTA I GRECI NON CEDERANNO

  1. Stringe davvero il cuore sentire in che stato è ridotto il popolo greco. E si prova anche tanta rabbia, pensando che i cittadini innocenti devono pagare il conto di un’amministrazione corrotta e sconsiderata e di un austerity dal volto disumano. Quando capiremo che il benessere di un paese si misura dal grado di felicità dei suoi cittadini?

  2. Non lo capiranno mai, perché l’unico interesse della loro vita è accumulare denaro.
    Mi fa piacere constatare che sei una persona sensibile come poche altre, ma ti posso assicurare che tra poco il conto saranno gli usurai a pagarlo.
    Ho letto, infatti, che il governo di Samaras è convinto che la Grecia è prossima all’implosione e ha cercato aiuto alla troika perché lo aiutasse a impedirla.
    Ho cambiato il mio indirizzo email.Ho raddoppiato la “g” finale della parola che precede la chiocciola. Le parole che seguono la chiocciola sono identiche a quelle del tuo indirizzo email.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...