STANNO SCHERZANDO CON IL FUOCO

scontri a seattle

Violenti scontri hanno segnato le proteste del 1° maggio a Seattle, quando la polizia ha sparato lacrimogeni al peperoncino e lanciato granate accecanti e assordanti tra gli anarchici individualisti che si erano riversati per le strade sventolando bandierine che dicevano “noi siamo l’America”, lanciando sassi e bottiglie e capovolgendo i cassonetti dei rifiuti.
I reporter presenti alla manifestazione si sono lamentati per il modo in cui la polizia li ha trattati: “Non ci hanno dato nemmeno il tempo di sgomberare,” – dicevano – “ci hanno buttato addosso i lacrimogeni senza motivo e ci hanno manganellati, anche se non avevamo fatto niente per provocarli ”.
Se teniamo conto del fatto che in Islanda gli antieuropeisti hanno avuto la maggioranza assoluta, che i pa
rtiti contrari all’euro stanno aumentando, che ci sono suicidi, attentati e scontri quotidiani tra la polizia e i disagiati, che le banche hanno ripreso a fallire, che è impossibile ridurre le tasse, che i provvedimenti della troika non hanno più efficacia e che i governi europei non sono in grado di liberarsi dai ricatti dei neoliberisti, ci renderemo conto che oramai la tragedia determinata dall’avidità senza limiti di un manipolo di parassiti è arrivata al suo epilogo.
Infatti, non c’è più lavoro né liquidità né aziende che producono né mercati dove vendere gli ultimi scampoli di produzione. E non ci sono nemmeno più soldi per pagare le pensioni, rifinan
ziare la cassa integrazione, soccorrere i bisognosi, far funzionare gli ospedali, alimentarsi, pagare l’affitto e tenere accesi il riscaldamento.
Continuare a recitare il solito mantra che la ripresa è imminente non incanta più nessuno. E allora che cosa aspettano a dichiarare il fallimento del progetto europeo?
Ovviamente hanno capito che stanno giocando con il fuoco, ma non hanno la ricetta per risolvere il problema e allora tirano a campare. Ma non potranno farlo all’infinito, tanto è vero che le resa dei conti si va facendo sempre più vicina. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...