E’ IL MERCATO CHE LO VUOLE

Tutti contro l'euro

Il successo dei partiti antieuropeisti in Islanda e nel Regno Unito, la presa di posizione di Kai Konrad, consulente economico del governo tedesco, che ha detto a chiare lettere che il tempo dell’euro sta per scadere, e quella di Oskar LaFontaine, leader carismatico dei socialdemocratici tedeschi e fondatore del “Die Linke”, secondo il quale bisogna farla finita una volta per tutte con la moneta unica, sono la chiara dimostrazione che i cittadini europei e gan parte degli economisti vogliono che gli uomini politici risolvano i loro problemi e non quelli del mercato.
E’ inutile quindi che si affannino a ripetere come un mantra che “è il mercato che lo vuole”. Ai diseredati non importa niente del mercato. Se non ne prenderanno atto immediatamente, pertanto, ridurranno la costruzione europea a un cumulo di macerie e costringeranno decine di milioni di disperati a una rivolta di dimensioni inimmaginabili.
«I governi europei” – ha affermato LaFontaine – “non hanno ridotto le diseguaglianze fra i vari Paesi dell’euro-zona, dando luogo nel tempo a una concorrenza al ribasso delle retribuzioni dei lavoratori. Di conseguenza quelli meno competitivi sono stati costretti a recuperare una parte della ricchezza perduta attraverso la svalutazione  dei salari, un’idea che ha determinato un impoverimento delle masse intollerabile. Non rimane altro rimedio dunque che porre fine all’esperimento dell’euro e ripristinare la sovranità monetaria dei singoli Stati.”
Se questa posizione si farà strada nel suo partito e gli elettori contrari all’austerità fine a se stessa sommeranno i loro voti a quelli di “Alternative fur Deutschland”, alle prossime elezioni alla Merkel sarà preclusa ogni possibilità di continuare a imporre la sua utopia ai tedeschi e al resto dell’Europa.
Ci sono buone probabilità quindi che la vittoria per il ritorno alla sovranità dei singoli Stati sarà conseguita da coloro che si oppongono all’adozione della moneta unica a tutti i costi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...